News

Attualità
15 Giugno 2019

5mila fasciatoi nei bagni pubblici degli uomini

Anche i papÓ cambiano i pannolini. O meglio, li cambierebbero se potessero farlo. PerchÚ i fasciatoi sono solo nel bagno delle donne?

I ruoli cambiano rapidamente, ma la società non sempre si evolve e si adatta alla stessa velocità. Soprattutto quando si parla di padri, pur essendo diventato il loro apporto in famiglia fondamentale, spesso e volentieri per loro diventa difficile far collimare ciò che hanno cominciato a fare con i propri figli e quello che la società offre per far sì che ci riescano. 

Stiamo parlando per esempio del cambio dei pannolini, un tabù ormai decaduto, più a parole che a fatti, visto che i fasciatoi nei bagni pubblici degli uomini ancora non si vedono. Finora. 

Sì, infatti, un primo segno di cambiamento in questo senso arriva dall’America, dove una nota azienda leader nel settore dei pannolini, ha annunciato che installerà 5mila punti di cambio per i neonati in altrettanti bagni pubblici per gli uomini tra gli Stati Uniti e il Canada.

Il portavoce della campagna Usa “Love the Change”, è il cantante-papà John Legend, che ha deciso di metterci la faccia.

 

In un video insieme ad altri papà impegnati nel cambiare il pannolino, ma nelle situazioni più assurde: John ad esempio cambia suo figlio sul pianoforteun altro papà lo cambia sul sedile dell’auto e un altro addirittura nel portabagagli. 

Si vede anche la foto (che l’anno scorso ha fatto il giro del mondo diventando virale) del papà statunitense, immortalato mentre era costretto a cambiare suo figlio seduto nel bagno in posizione scomodissima.

Il tema dei fasciatoi nei bagni maschili è molto sentito e non solo negli Usa. Un po’ in tutto il mondo, Italia compresa, è stata lanciata la campagna #squatforchange, #iocambio in Italia, che chiede proprio di installare questi oggetti fondamentali nei bagni degli uomini.

 

 

Silvia Carboni