News

12 Agosto 2019

L'Ospedale che cura i bambini e i loro peluche

Chi ha paura dei medici se curano anche i nostri pupazzi?

Una sala d’attesa invasa da palloncini colorati. Aghi da stoffa per ricucire ferite di pezza. Terapie mediche a base di coccole e biscotti. Sembra l’utopico ospedale del Paese dei Balocchi, eppure è diventato realtà.

Il ricovero in ospedale è spesso traumatico per i bambini perché per loro trascorrere giorni e giorni in un luogo simile è davvero difficile e la gentilezza del personale, per quanto importante, non sempre è sufficiente a farli sentire a proprio agio. Ecco perché iniziative come quella ideata dall’U.O. di Pediatria del Polo di Cava de’ Tirreni, dell’Azienda Ospedaliera Universitaria di Salerno, dove medici e infermieri oltre a curare i bambini si occupano dei loro peluche, meritano un grande plauso.

Perché qui non si guariscono solo le ferite fisiche ma ci si prende cura dell’anima di ogni piccolo paziente. E non c’è cosa più importante, soprattutto per i bambini, che necessitano di attenzioni particolari e di non essere mai trattati come numeri.
A Cava de’ Tirreni sono loro a poter richiedere consulenze ai medici per i pupazzi, e grazie alla compagnia dei peluche malati, terapie e indagini diventano un po’ meno paurose e più tollerabili.

L’iniziativa ha da subito riscosso grande successo fra i piccoli destinatari e sta facendo parlare di sé anche al di fuori della provincia, dimostrando che l’umanizzazione delle cure non è affatto superflua e anzi, può fare la differenza anche in termini di salute fisica.

Anche se l’idea non è nuova, si tratta di un’attenzione dolcissima per i piccoli malati che in questo modo possono scongiurare la paura del dottore con il gioco .  In Scozia avevano fatto il giro del mondo gli orsi di pelusche con tubi e cerotti ideati da una ventottenne costretta da anni a vivere con un sondino al naso e un catetere e ha pensato bene di “intubare” anche i pupazzettti preferiti dei bimbi malati dell’ospedale. A Bessanone, tra le alte montagne della provincia di Bolzano, era stato inaugurato lo scorso anno il primo ospedale degli orsacchiotti e ora anche in Campania sarà possibile allietare i piccoli malati.

L’U.O. è da sempre attenta a questo aspetto e non a caso da anni ospita volontari dediti alla clownterapia ed è sede della Onlus-Amici della Neurologia Pediatrica, che organizza iniziative di beneficienza a favore dei bambini con patologie neurologiche.

A rendere nota l’iniziativa dei peluche è stata la Società italiana di pediatria, che ha pubblicato sulla propria pagina Facebook un post dedicato all’ospedale.