News

28 Giugno 2019

Nasa hackerata con un minicomputer da 35$? Fatto

La rete informatica della Nasa stata bucata da un hacker utilizzando un Raspberry Pi, un micro-computer da 35 dollari. Trafugati 500 MegaByte di inf

Un rapporto della Nasa rivela che nel 2018 la rete del Jet propulsion laboratory (Jpl) dell’Agenzia spaziale nazionale statunitense è stata violata da un hacker che si è impossessato di ben 500 megabyte di documenti
Sarebbe l’ennesima notizia su un normale attacco informatico se non si distinguesse per via del computer utilizzato dall’attaccante per bucare la rete del Jpl della Nasa.

L’hacker ha utilizzato un Raspberry Pi, un mini computer delle dimensioni di una carta di credito e dal costo di soli 35 dollari che è stato creato con l’intento di insegnare la programmazione di base ai bambini.

Sapete bene che nel Jet Propulsor Laboratory della Nasa, situato a Pasadena, l’agenzia spaziale progetta e realizza le sonde spaziali e i rover impiegati nelle missioni spaziali.

Quindi secondo il rapporto la violazione è stata scoperta nel 2018, quando un mancato aggiornamento dei sistemi che controllano i dispositivi che hanno accesso alla rete, avrebbe permesso, oltre ai tanti pc connessi alla rete, anche al famigerato Raspberry Pi di accedere al network dell’agenzia.

L’attaccante, sfruttando un account utente, è riuscito a muoversi in tranquillità all’interno della rete della Nasa agendo indisturbato per 10 mesi. Il bottino della violazione sono stati 23 file, due dei quali contenevano informazioni sulle attuali missioni su Marte.

I funzionari della Nasa ovviamente si sono definiti preoccupati che, vista la facilità della violazione eseguita tramite un mini computer, dei pirati informatici meglio equipaggiati possano “accedere ai sistemi delle missioni, con il rischio di inviare segnali errati durante le missioni di volo spaziale con equipaggi umani che utilizzano tali sistemi”.

Ricorda un po' quando ti fanno spogliare prima di entrare in banca e poi tre giorni dopo la rapinano.
LOL.

 

Silvia Carboni