News

11 Febbraio 2021

Is Coricheddos: i dolci gioiello perfetti per il tuo San Valentino

Un dolce dalla rara bellezza e ricco di tradizione. Ecco la ricetta dei meravigliosi scrigni di miele e mandorle

In Sardegna, San Valentino profuma di mandorle dolci e miele. Ma soprattutto di raffinatezza, di grande tradizione e di mani sapienti che, con fantasia e maestria, lavorano questi meravigliosi dolci gioiello. Is Coricheddos sono dei veri e propri scrigni che, nella sottile pasta, racchiudono un cuore di miele e mandorle.

Preparati per le grandi occasioni di festa, tradizionalmente venivano realizzati dalle mamme, suocere o madrine, come dono per la sposa in occasione del loro matrimonio, oppure donati come bomboniere al termine del banchetto nuziale. Tipici della Sardegna, e in particolare della zona di Nuoro, il loro nome “coricheddos” significa cuoricini, piccoli cuori, una delle forme più diffuse di questi dolci.  

Ma non perdiamo altro tempo. Scopriamo subito la loro ricetta!

 

Ingredienti (Porzioni per 50 pezzi)

Per la pasta:

  • 700 g farina 00
  • 80 g strutto
  • 1 cucchiaino di zucchero
  • qb acqua
  • 1 cucchiaino di sale

Per la farcia:

  • 500 g di miele
  • 500 g di mandorle pelate o farina di mandorle
  • 3 arance (la scorza grattugiata)
  • 1 pizzico di zafferano

Per la decorazione:

  • qb zuccherini sferici colorati o argentati

Istruzioni

Preparazione della pasta:

  1. Impastate la farina setacciata con lo strutto, lo zucchero sciolto in acqua tiepida, che aiuta per l’elasticità della pasta.
  2. Lavoratela a lungo fino ad ottenere un impasto piuttosto consistente e omogeneo.
  3. Avvolgete l'impasto nella pellicola e fate riposare. Se avete tempo anche per una notte in frigorifero. Poi riportatela a temperatura ambiente prima di lavorarla.

Preparazione della farcia:

  1. Vi consiglio di mettere le scorze di arancia (senza parte bianca, amarognola) nel forno a 50°C (leggermente aperto) per qualche minuto fino a farle asciugare completamente.
  2. Se usate le mandorle, tritatele finemente con il mixer.
  3. Fate scaldare il miele in un altro pentolino e aggiungete la scorza d’arancia polverizzata e lo zafferano.
  4. Appena raggiunge un leggero bollore buttate le mandorle triturate o la farina di mandorle. Fate cuocere a fuoco lentissimo, mescolando, per circa 15′ fino che non si rassoda.
  5. Poi versate il composto su un piano coperto con carta forno leggermente unta di olio e lasciate freddare qualche minuto.
  6. Coprite il composto con un altro foglio di carta da forno e stendetelo con un mattarello ad uno spessore di circa 7 mm. Fate raffreddare completamente.
  7. Tagliate la farcia rassodata a forma di cuoricini o della forma che preferite con delle formine (taglia biscotti) e sistemateli su un vassoio (foderato di carta forno). Rimpastare gli eventuali ritagli, stendete e ricavate altre forme.

Preparazione dei dolcetti:

  1. Stendete la pasta e ripassatela più volte nella sfogliatrice fino ad ottenere sfoglie molto sottili (io penultima tacca).
  2. Per comodità, ritagliate dei pezzi di pasta da circa 8/10×10 cm
  3. Mettete la formina di farcia alle mandorle al centro del ritaglio di pasta.
  4. Prendete un altro pezzo di sfoglia che farà da copertura, e fate dei ritagli, dei disegni a piacere, con una mini-rotella o tagliapasta per dolci piccolo. Sovrapponete le due sfoglie facendo aderire per bene i bordi e sigillate comprimendoli.
  5. Con un tagliapasta, meglio se dentato, ritagliate i bordi lasciando uno spazio di circa 1 cm dalla farcia centrale e decorate a piacere con qualche utensile da dolce e impreziositelo con perline di zucchero colorate e argentate.
  6. Sistemate i dolcetti finiti su teglie foderate di carta forno. Se non li infornate subito copriteli con della pellicola per non farli asciugare troppo.
  7. Cuocete in forno statico caldo a 140°C per 15/20 minuti. I dolcetti dovranno cuocere senza colorare e senza che il ripieno si gonfi.
  8. Sfornateli e lasciateli freddare.
  9. Quando saranno freddi potete conservarli in un barattolo di latta: fate attenzione perché sono delicatissimi!

Ed eccoli qui! Un dolce dalla rara bellezza e ricco di un’antica tradizione. Una straordinaria prelibatezza perfetta per festeggiare la Festa degli Innamorati.

Insomma, buon appetito e buon San Valentino a tutti!

 

@Roberto Piras