News

10 Febbraio 2021

Negli smartphone è in arrivo la “modalità ubriaco”

Dopo la modalità aereo e la modalità non disturbare, finalmente arriva l’opzione giusta per il sabato sera: la modalità ubriaco

Quanto sentiamo la mancanza dei weekend? E, soprattutto, del sabato sera all’insegna delle bevute (responsabili, s’intenda) con gli amici? Bei tempi, già.

Ciò che sicuramente non ci manca, però, è l’hangover della domenica mattina segnato, evidentemente, dal mal di testa e dall’ansia di aver usato in chissà quale modo sbagliato il telefono. Ma ecco che la tecnologia viene in nostro soccorso.

La Green Electronics, infatti – una piccola azienda cinese pressoché sconosciuta ovunque, Cina compresa – sta progettando una nuova modalità da implementare nei propri smartphone: la modalità ubriaco.

Questa nuova funzione del software – che tutti noi, ammettiamolo, non vediamo l’ora di provare non appena la situazione pandemica ce lo permetterà – permetterà agli utenti di svegliarsi dopo una sbornia importante senza, però, avere la preoccupazione di aver utilizzato il telefono in maniera del tutto impropria: scrivere al/alla proprio/a ex o postare foto o video imbarazzanti sui social non sarà più un problema, dunque.

 

Stando alle poche informazioni uscite in merito, la modalità ubriaco funzionerebbe unicamente seguendo queste fasi:

-La prima cosa da fare è impostare le regole della modalità ubriaco (da fare quando si è sobri, ovviamente), come ad esempio quali applicazioni sono limitate o del tutto vietate ed a partire da quale orario;

-Successivamente bisognerà impostare delle regole per verifica la propria sobrietà, le quali saranno utilizzate per disabilitare la modalità ubriaco (o per farla disabilitare ai nostri amici);

-Quando necessario – pertanto quando comincia la bevuta con gli amici – impostare la modalità sul proprio smartphone;

-E, infine, qualora si superi la “verifica di sobrietà” sopracitata si potrà disabilitare la modalità ubriaco.

 

Per i più scettici: è tutto vero, nessuna fake news.

La Green Electronics, infatti, ha annunciato di aver formalmente depositato presso l’ufficio nazionale dei brevetti della Cina la suddetta idea. Pertanto, molto presto gli utenti cinese potranno usufruire di questa nuova funzione.

Ma, sicuramente, non sarà lo stesso per il nostro mercato.

Possiamo sperare, però, che altri produttori – anche i più rinomati, perché no – si cimentino nello sviluppo di questa modalità. Non aspettiamo altro. 

 

@Mattia Porcu