News

17 Aprile 2020

Caso sospetto sulla crociera Costa Deliziosa

Tutti a guardare la Crociera che torna dal Giro del Mondo: un caso sospetto a bordo ora ricoverato.

Costa Deliziosa è la nave partita mesi e mesi fa per fare il giro del mondo. Ma da quando si sono scoperti i primi casi di Coronavirus nei vari stati, partendo dalla Cina per poi arrivare in Italia, la nave ha deciso di continuare la sua rotta senza far più scendere nessun passeggero.

La crociera che si trova ora al largo della costa siciliana, è però al centro di una vicenda singolare in questo momento. Un passeggero è stato trasportato d’urgenza all’ospedale di Marsala, ed è ricoverato in rianimazione, per un sospetto caso di covid-19. 

"Restate tutti in cabina" ha così annunciato il comandante di Costa Deliziosa. Fermando tutte le attività della nave. In seguito, ha poi inviato una lettera ai passeggeri a bordo riassumendo la vicenda. Essendo un caso sospetto di Covid-19, la nave ha dovuto applicare il più possibile tutti i protocolli della pandemia. Per fortuna la notizia arriva ora che il caso sospetto di covid-19 è risultato negativo al tampone.

Costa Deliziosa non si fermerà qui, stando a quando dichiara la società: si trova in navigazione ora davanti alla costa siciliana e dovrà dirigersi verso il porto di Barcellona dove è prevista arrivare tra il 19 e il 20 aprile. La nave sta rientrando dalla crociera del Giro del Mondo e a bordo si trovano 1.829 ospiti e 898 membri dell'equipaggio.

La cosa assurda è che il suo passaggio davanti alla costa siciliana ha fatto prendere la multa a qualcuno. Gli abitanti di Marsala hanno pensato bene di scendere in strada per ammirare la nave tutta illuminata e magari scattare qualche foto. In diversi si sono ritrovati al molo del porto di Marsala. Sono poi dovute intervenire le forze dell'ordine, mettendo multe per il divieto di assembramento previsto dalle attuali norme sul coronavirus. 

Aggiorniamo 17.04.20: arrivato l' esito del tampone del passeggero ricoverato è risultato negativo al Covid-19

 

@Laura Pace