News

9 Aprile 2020

Pasqua 2020: dove andare in vacanza virtuale

Pasqua: il primo vero ponte dell’anno, saltato a causa del Coronavirus.

Pasqua 2020? Quest’anno Pasqua cadrà il 12 aprile, ed in piena primavera sarebbe stata una ottima occasione per programmare una gita fuori porta. Invece tutto congelato per quest'anno: ormai è appurato che l’emergenza sanitaria causata dal Coronavirus impedirà qualsiasi viaggio anche ad aprile. Un sacrificio che va fatto per far combattere questo virus. Noi però abbiamo selezionato alcuni posti dove poter andare una volta finito tutto questo, quando si potrà riprendere un aereo e scoprire il mondo e le bellezze del nostro pianete.

I giardini in Italia 

Alcuni dei giardini più belli si trovano in Italia, come i Giardini di Ninfa a Cisterna di Latina, dichiarati Monumento Naturale dalla Regione Lazio, ma anche in Europa e oltreoceano si possono visitare spettacolari architetture botaniche che meritano una tappa del viaggio. Da non trascurare, per chi resta a casa, le città a portata di mano e piene di sorprese, come Brescia.

Olanda in fiore

Il ponte di Pasqua può essere una buona occasione per concedersi un viaggio in Olanda, meta imperdibile per gli amanti della natura e dei fiori. Prima tappa è Haarlem, vicino ad Amsterdam, con i suoi cortili-giardini che sembrano un quadro fiammingo.

Foto Pazzi per i tulipani? 10 luoghi imperdibili in Olanda

LISSE e LEIDA

Da qui si punta verso Lisse dove si trova il famoso castello di Keukenhof, che ad ogni primavera dà spettacolo con la fioritura di oltre 7 milioni di fiori da bulbo tra cui 800 varietà di tulipani, narcisi, giacinti. Infine, si prosegue per Leida (o Leiden) dove ammirare il suo Orto Botanico, il più antico dei Paesi Bassi, con oltre diecimila piante, decine di specie di uccelli e serre tropicali.

tulipani in Olanda

IL CAMMINO DI SANTIAGO

Le antiche strade di pellegrinaggio stanno vivendo un vero e proprio boom, grazie al ritrovato bisogno di stare in mezzo alla natura e di rallentare il ritmo. Il Cammino di Santiago è l’ideale, un’esperienza che molti decidono di fare almeno una volta nella vita. Un percorso di circa 800 km tra Francia e Spagna ma ognuno può decidere, in base alle proprie capacità e al tempo a disposizione, l’itinerario da seguire.

Foto Il Cammino di Santiago: tappe e curiosità

LA VIA FRANCIGENA

In Italia, invece, sta avendo un rilancio importante la Via Francigena, composta da diverse strade che, dall’Europa occidentale, attraverso le Alpi, conducevano i pellegrini a Roma. Anche in questo caso il tempo e il tratto di percorrenza sono una scelta personale ma sempre un’ottima occasione per scoprire tanti luoghi affascinanti e poco conosciuti del Belpaese.

Foto Lungo la Via Francigena

Pasqua per i bambini: tra castelli, parchi e musei

Dal Parco dei Mostri di Bomarzo, in Lazio, ai percorsi divertenti e istruttivi all’Acquario di Genova fino ai mercatini di Pasqua a Innsbruck dove cimentarsi in una caccia alle uova.

PARMA, CAPITALE DELLA CULTURA 2020

Pasqua poteva essere l’occasione giusta per una gita a Parma, eletta Capitale italiana della Cultura 2020. Inaugurato a gennaio con tre giorni di eventi, l’anno si preannunciava ricco di appuntamenti, tra riaperture di luoghi storici, come San Francesco del Prato e l’Ospedale vecchioitinerari artistici tra le meraviglie architettoniche della città e tante mostre, da Stendhal e alla Certosa del suo romanzo, ai Borbone, dal futurismo di Depero ai Farnese. Nel frattempo, però, l’emergenza Coronavirus ha reso indispensabile rimandare i festeggiamenti. Si parla già dell’autunno.

In Sicilia, tra eventi e dolci della tradizione

La Pasqua in Sicilia è celebrata in grande stile. Eventi e processioni diventano un autentico viaggio alla scoperta di antiche tradizioni. Da Trapani, che da più di 400 anni celebra lo spettacolare rito dei “misteri”, a Palermo o Caltanissetta, che ogni anno propongono un ampio programma di eventi, fino ai più piccoli paesi dell’entroterra la Settimana Santa viene vissuta con grande intensità. Anche le prelibatezze non mancano in tavola: agnelli di pasta di mandorle, “pupi cu l’ovu”, cioè cestini di pasta frolla ricolmi di uova sode di buon augurio, cioccolato e, immancabile, sua maestà la cassata.