News

31 Marzo 2020

Coronavirus: Chiusura totale almeno fino a Pasqua

Sicuramente la serrata totale nel nostro Paese da considerarsi sino a Pasqua poi le aperture graduali

Solo se il trend dei contagi continuerà a calare e si riuscirà a sconfiggere il Coronavirus, si potrà pensare ad una riapertura del Paese, che avverrà comunque in maniera graduale .

Il Governo così valuterà una riapertura ma prima del mese di maggio non possiamo neanche immaginare le passeggiate, i concerti, i locali aperti e quando sarà possibile ritornare alla vita di prima bisognerà farlo nel rispetto delle distanze gli uni dagli altri e indossando mascherine nei luoghi pubblici.

Le attuali restrizioni resteranno  in vigore fino al 12 aprile e il nuovo provvedimento del governo entrerà in vigore sabato 4 aprile e durerà per due settimane, fino al 18 aprile. Quel che è certo già da ora, è che fino al 12 aprile ci saranno le attuali restrizioni, le più rigide.

Nei giorni successivi,  come riportato da  Il Corriere della Sera, potrà invece essere valutata la riapertura di alcune attività  collegate all' alimentare e alle imprese farmaceutiche  finora non comprese tra i servizi essenziali.  Come per esempio le imprese di meccanica legata all’agroalimentare oppure quelle chimiche che dovranno comunque dimostrare di essere in regola con le norme sulla distanza di sicurezza tra i dipendenti e la dotazione dei dispositivi di protezione.

Si sta varando anche l' ipotesi di testare le persone prima che rientrino nel posto di lavoro per valutare se hanno avuto il virus e se sono in grado di tornare a lavoro.

Si sta pensando quindi ad un apertura graduale delle attività scaglionate in questo ordine: Artigiani, parrucchieri e palestre e ancora via libera a chi non ha contatti con i clienti come alcune aziende artigiane. Parrucchieri, estetisti e palestre dovrebbero essere tra i fanalini di coda. 

Bar, ristoranti, pub potrebbero riaprire con misure limitanti come all' inizio dell' emergenza e comunque con tavoli distanziati e divieto dallo stare nei banconi vicini l'uno all' altro. Dovrà pertanto essere rispettata la ditanza di un metro tra un cliente e l'altro 

Le aperture di Cinema, teatri  dovranno aspettare e così grandi eventi come partite, appuntamenti sportivi di ogni genere, concerti, live ed esibizioni che verranno valutati per evitare assembramenti