News

5 Marzo 2020

Coronavirus: situazione nel mondo OGGI

Ad oggi 5 marzo si contano in tutto il mondo 93mila casi.L’Italia č per l’ennesima volta presa di mira e viene definita il focolaio del virus dalla CNN.

Ad oggi 5 marzo la situazione per quanto riguarda l’epidemia da Coronavirus è grave ma ancora non si parla di pandemia, il virus si sta diffondendo in tutto il mondo contano 93mila casi in generale, secondo l’European centre for disease prevention and control. Esattamente 80mila in Cina5.300 in Corea del Sud2.300 in Iran e 3.300 in Europa. I morti superano i 3.200, di cui 3mila in Cina, seguono Iran e Italia.

L’Italia è per l’ennesima volta presa di mira e viene definita il focolaio del virus. L’emittente Tv CNN, infatti, ha mostrato una cartina del contagio del coronavirus con l'Italia al centro da cui partivano raggi verso tutti gli altri paesi del globo, probabilmente riferendosi al fatto che in alcuni casi il virus sarebbe stato portato in giro partendo dalla penisola.

Stati Uniti: Negli Stati Uniti è salito il livello di allerta dopo le ultime due vittime che hanno portato il bilancio dei morti per coronavirus nel paese a 11. California, Florida e Washington hanno dichiarato lo stato di emergenza. la Camera Usa ha approvato uno stanziamento di 8 miliardi di dollari per fronteggiare l'avanzata del virus, provvedimento che passerà la prossima settimana al vaglio del Senato. Il presidente Donald Trump, che aveva chiesto un finanziamento di 2,5 miliardi, plaude su Twitter: "Questa è una grande notizia per la salute, l'economia e per la nostra nazione".

Iran: risultati positivi anche membri del Parlamento e il ministro dell'Industria, il presidente Hassan Rouhani ha riconosciuto che il virus si trova in quasi tutte le 31 province. Teheran ha anche deciso la chiusura delle scuole e delle università sino al 20 marzo. L'Arabia Saudita ha vietato di compiere il pellegrinaggio a La Mecca sia ai residenti che agli stranieri.

La Germania: per bocca del ministro della Salute, ha definito l'epidemia "una pandemia globale" e ha deciso di vietare l'esportazione di dispositivi medici come mascherine, guanti e tute protettive.

Cina: Sul fronte asiatico il presidente cinese Xi Jinping ha usato toni ottimistici sottolineando che, "dopo gli ardui sforzi di tutto il paese, è emersa una tendenza positiva poiché la situazione di prevenzione e controllo dell'epidemia ha visto un costante miglioramento e la ripresa dell'ordine nel lavoro e nella vita".

La Corea del Sud: ha annunciato uno stanziamento di 11,7 trilioni di won, circa 9,8 miliardi di dollari, per combattere l'epidemia e mitigare le ricadute economiche in quello che è il secondo paese al mondo per numero di contagi.

 

Olanda e India: L'Olanda ha sconsigliato i viaggi in Italia se non "assolutamente necessari". Mentre in India 16 i turisti italiani e il loro autista indiano sono in quarantena perché risultati positivi. Anche le scuole di New Delhi resteranno chiuse fino al 31 marzo.

Betlemme: Sempre in relazione al timore di diffusione del coronavirus, sono state chiuse per 14 giorni, per restrizione generale del governo palestinese, la Basilica della Natività di Betlemme e le altre chiese e moschee della città.

 

@Laura Pace