News

5 Marzo 2020

Al via le sanzioni per i seggiolini anti abbandono

Da domani 6 marzo scattano le sanzioni, per chi non avesse ancora i seggiolini anti abbandono ora di adeguarsi

Domani 6 marzo scattano le sanzioni destinate a chi non dovesse munirsi di seggiolini antiabbandono. Milioni di genitori hanno ben chiara la scadenza per adeguarsi alle normative e non rischiare. La sanzione – infatti – per il Nuovo Codice della Strada di 83 euro fino a 333 euro, può essere ridotta a 58 euro se si paga entro 5 giorni dal ricevimento della notifica. Non solo, verranno decurtati anche 5 punti dalla patente e alla seconda infrazione – commessa nell’arco di due anni – è prevista la sospensione per un minimo di 15 giorni fino a due mesi della patente di guida. La maggior parte delle famiglie e dei genitori non sono ben informati e in pochi hanno effettuato l’acquisto o usufruito del bonus per il seggiolino. Dovranno adeguarsi entro oggi. 

Infatti, per chi non lo avesse ancora, è necessario munirsi dell’apposito seggiolino e per chi non avesse la possibilità può attraverso la piattaforma: “bonuseggiolino.it”, chiedere il contributo statale di 30 euro per l’acquisto. La metà dei bambini, soprattutto in Italia, non viene trasportata regolarmente, ma le cronache vedono il moltiplicarsi dei casi come la recente tragedia del bambino morto a causa dell’esplosione dell’airbag, che ha destato molta preoccupazione. Il dispositivo anti abbandono è previsto per i bambini fino a 4 anni di età ma tutti i bambini devono essere trasportati correttamente fino ai 12 anni. Lo sbaglio più grande è quello di tenere il bambino in braccio in auto, la forza dello scontro è talmente forte che non bastano le braccia del genitore. Presto anche le automobili saranno dotate di dispositivi che segnalano la presenza del bambino a bordo ma per ora ci sono dei dispositivi indipendenti da installare sotto la seduta del seggiolino.

 

@Margherita Pusceddu