News

16 Gennaio 2020

9 anni di vita in pił per i ricchi

I soldi non faranno la felicitą ma allungano la vita: a confermarlo una ricerca di Paola Zaninotto, docente dello University College di Londra

Chi ha la possibilità di vivere un’esistenza senza pensieri dal punto di vista economico ha un’aspettativa di vita più lunga. Lo conferma una ricerca pubblicata sulla rivista Journal of Gerontology, condotta dall’italiana Paola Zaninotto, ex ricercatrice della Sapienza di Roma e ora insegnante di epidemologia allo UCL (University College London). Lo studio ha preso in esame un campione di 10mila cittadini britannici e 14mila statunitensi di età superiore ai 50 anni. Ad essere analizzata, in particolare, è stata l’aspettativa di vita in salute di uomini e donne non affetti da patologie gravi o disabilità. Il campione è stato poi diviso in gruppi sulla base del reddito e del patrimonio familiare. Lo studio è durato 10 anni e confrontando i dati dei gruppi più facoltosi e di quelli più indigenti è emerso che, in media, i 50enni più ricchi potevano contare su almeno altri 31 anni di vita in buona salute, mentre i più poveri potevano aspettarsi solamente altri 22 anni. Anche le donne hanno ottenuto risultati simili: 33 anni di salute quasi “garantita” per le ricche e 24 anni per le meno facoltose.

 Dati alla mano, i ricchi possono aspettare di vivere mediamente 9 anni in più rispetto agli altri. «Sappiamo che il miglioramento della qualità e della quantità di anni che ogni individuo può aspettarsi di vivere dipende dalla spesa pubblica per la sanità, dal reddito, dalla cura degli anziani, dal tasso di partecipazione al mercato del lavoro - ha dichiarato Paola Zaninotto - Il nostro lavoro suggerisce ai legislatori e alle istituzioni che devono fare di più per ridurre le diseguaglianze nella salute».

Dallo studio sono emersi anche altri dati allarmanti. A quanto pare che i bambini nati oggi sono destinati a vivere di meno rispetto ai loro nonni e la loro l'aspettativa di vita rischia di essere inferiore anche rispetto a quella dei ragazzi nati nel primo decennio del 2000.

@Alba Marini