News

6 Novembre 2019

Case Sarde da Ristrutturare ecco gli incentivi

Boom di richieste per il bando da 25 milioni per ristrutturare le case sarde: pių di 6mila le domande. 1.271 i cittadini riceveranno il finanziamento

Boom di richieste per il bando da  25 milioni per ristrutturare le case sarde: più di 6mila le domande.  1.271 i cittadini riceveranno il finanziamento per un giro d’affari di  oltre 100milioni di investimenti. Giacomo Meloni (Presidente
Confartigianato Edilizia Sardegna): “Anche così si combatte la crisi
dell’edilizia. Soddisfatti per lo strumento ma necessario reperire
risorse per chi è rimasto fuori dalla graduatoria”. Confartigianato
Edilizia
chiede incontro all’Assessore all’Urbanistica Quirico Sanna.

Sono più di 6mila le domande che i cittadini sardi hanno presentato
all’Assessorato Regionale all’Urbanistica per fruire dei finanziamenti
che incentivano il recupero e la riqualificazione delle case private.
Di queste 1.271 saranno finanziate, di cui 110 nel territorio del
Sulcis.

E’ questo ciò che emerge dai dati resi pubblici dall’Assessorato sul
bando “Finanziamento di interventi di manutenzione, restauro,
risanamento conservativo e ristrutturazione finalizzati al recupero e
alla riqualificazione del patrimonio immobiliare privato ricadente nel
territorio regionale”, aperto il 10 settembre scorso, che ha messo a
diposizione dei privati ben 25 milioni di euro per risanare,
manutenere, restaurare e ristrutturare gli immobili privati ad uso
residenziale, con interventi finalizzati all’efficientamento
energetico dell’edificio, integrati in interventi globali che
comprendono opere sull’involucro edilizio.

Secondo l’analisi effettuata dall’Ufficio Studi di Confartigianato
Sardegna, che ha esaminato le domande presentate e finanziate, la
media degli interventi per ogni abitazione è di circa 80mila euro, con
punte che superano anche a 150mila euro. I 1.271 interventi previsti,
attiveranno investimenti per oltre 100milioni che andranno a dare
ristoro, soprattutto, alle 13mila imprese artigiane dell’edilizia che
operano nell’Isola.

“Siamo molto soddisfatti per l’altissimo interesse da parte dei sardi
per il bando e perché è anche con questi strumenti che si combatte la
crisi in edilizia – commenta Giacomo Meloni, Presidente di
Confartigianato Edilizia Sardegna - ma siamo anche preoccupati perché
i fondi stanziati non basteranno per tutti: secondo i nostri calcoli
potrebbero rimanere fuori poco meno di 5mila domande per esaurimento
del plafond messo a disposizione”. “Per questo – continua Meloni –
chiederemo un incontro all’Assessore Regionale Quirico Sanna per
ragionare sul reperimento di risorse aggiuntive che siano utili a
riaprire la graduatoria a chi in questo momento è stato escluso per
esaurimento dei fondi, o, quanto meno, per soddisfare più richieste
possibili”. “Sappiamo bene che non basterebbero 130milioni di euro ma
siamo consapevoli sia della bontà dell’intervento, sia dello sforzo
economico fatto dalla precedente e dall’attuale Giunta, cosa assai
apprezzata – sottolinea il Presidente di Confartigianato Edilizia -
nonché dell’idea avuta dalla passata Commissione Speciale del
Consiglio Regionale per l'Artigianato e Commercio, e dal valore
inestimabile che tale incentivo ha per il rilancio dell’economia delle
costruzioni dell’Isola”.

Per l’Associazione Artigiana, anche in questo particolare momento, è
l’edilizia privata una delle attività imprenditoriali che meritano
un’attenzione particolare.  Questo è infatti un settore che da solo è
in grado di mettere in moto una filiera che coinvolge molteplici
comparti produttivi con effetti economici moltiplicativi che hanno
pochi eguali. Tale attività, infatti, attraverso la riqualificazione
del patrimonio immobiliare privato, il decoro degli immobili (quindi
l'estetica della città), l'efficientamento energetico degli stessi,
può influire in modo positivo nello sviluppo e nella riqualificazione
dell’intera Sardegna.

Nel 2018 in Sardegna, le detrazioni per ristrutturazioni ed ecobonus
hanno attivato investimenti per 390 milioni di euro. Nelle costruzioni
tali incentivi hanno avuto effetto positivo e diretto sul 13% dei
lavoratori del settore: in valori assoluti, si parla di oltre 5mila
persone su un totale di quasi 40 mila addetti.

“Certamente – conclude Meloni – la  valanga di richieste conferma la
necessità di rendere permanenti e strutturali questi bonus regionali e
dimostra come le famiglie, se messe nelle giuste condizioni, investono
nella cura della casa”.
 

@Redazione Sintony News