News

24 Aprile 2018

YouTube: cosė 8 video vietati su 10 individuati

YouTube: cosė 8 video vietati su 10 vengono individuati dalle macchine

La più famosa piattaforma al mondo di video liberi è Youtube che continua la sua battaglia contro pornografia, terrorismo e spam. 10mila e’ il numero dei moderatori che si raggiungerà entro il 2018.

usare Youtube ci sono oltre 1,5 miliardi di utenti ogni mese e i contenuti sono tra i più diversificati compresi quelli vietati dalle regole della piattaforma e abitualmente infrante. Dai video inneggianti al terrorismo a quelli violenti passando per lo scandalo dei “fake cartoon”, i cartoni taroccati spesso con personaggi noti ai bambini stravolti nelle fattezze e impegnati in azioni davvero poco edificanti che sono riusciti a farsi strada persino nell’applicazione a loro dedicata, YouTube Kids. Una ventina di associazioni della grande mela hanno lanciato l’allarme proprio per poter proteggere e tutelare i bambini.

scorso dicembre la piattaforma guidata dalla 49enne Susan Wojcicki ha deciso di dire basta e annunciato un lungo percorso orientato alla rimozione rapida e spietata di tutte i contenuti che violano le policy. Grazie, in particolare, alle soluzioni di machine learning si combatte il fenomeno. I sistemi e algoritmi che imparano da soli e intervengono in modo automatizzato hanno rimosso sino ad oggi stando ai dati ufficiali Youtube 8 milioni di clip. Non basta. YouTube introduce anche una sezione dedicata alle proprie segnalazioni. Spesso, infatti, quando si segnalano dei contenuti inappropriati sui social network non si riesce a capire che fine faccia ciò che secondo noi non dovrebbe rimanere online: se e quando è stato rimosso e perché, per esempio. Con la nuova dashboard ogni utente potrà visionare la situazione dei video “flaggati”, cioè segnalati.

Un esempio è proprio ciò che è avvenuto con i video terroristici, che per esempio nel corso della folle marcia dell’Isis sono costati a YouTube accuse durissime. All’inizio del 2017 l’8% dei video segnalati e rimossi per estremismo venivano eliminati prima che toccassero quota 10 visualizzazioni. Con l’introduzione del machine learning a giugno più della metà dei video viene fatto fuori quando ha meno di 10 view. A occuparsi di questo tema è anche arrivato uno staff dedicato di specialisti, anche su scala regionale.