News

19 Dicembre 2019

Perché non regalare un cane a Natale

Un amico a quattro zampe è un essere vivente, non un pacco regalo

I bambini sono i protagonisti assoluti del Natale. E spesso per accontentarli si fanno scelte avventate: come quella di adottare un cane come dono natalizio. Proprio nel periodo di Natale si verifica ogni anno un picco degli acquisti o delle adozioni di cuccioli. Complice l’euforia delle feste, spesso, genitori e parenti non sono consapevoli del gran da fare che un cane, specie se cucciolo, può dare. Ed è proprio sul finire delle feste che si registra un altro triste picco: quello degli abbandoni.

È tutto bellissimo per un attimo. Un cucciolo che sembra un peluche con un grosso fiocco rosso, proprio come nella scena iniziale di Lilli e il Vagabondo. E se al mattino dopo la magia si spegnesse? Un cane inevitabilmente sporca. E i bambini sono troppo piccoli o troppo irresponsabili per prendersene cura. La soluzione più immediata? Il cane deve andarsene. Ma non può essere così: un amico a 4 zampe è per sempre, forse il più fedele degli amici. Ed è per questo che adottare un cane deve essere frutto di una scelta ponderata e razionale. L’esperienza potrebbe essere straordinaria oppure, se non si è pronti ad accogliera, potrebbe facilmente diventare un incubo. La natura della relazione umano-canina è tale che è bene che non nasca sotto l’effimera magia dell’albero di Natale.

@Alba Marini