News

25 Gennaio 2020

Ecco la prima Scuola di Fallimento in Italia

La fondatrice una giovane ricercatrice che, con il suo approccio scientifico, vuole aiutare gli altri ad accettare i propri errori e a trarne beneficio per ricominciare.

«Ex pallavolista, ex docente universitaria, ex vicepresidente di uno spin off», così si definisce nel suo sito Internet Francesca Corrado. Il 2015 è per lei un anno molto duro e sfortunato: due lavori persi, una storia d’amore finita e la malattia del padre, l’Alzheimer.

Da ex ricercatrice universitaria si interroga sul fenomeno del fallimento e intende studiarne le cause. Francesca, fondatrice della prima Scuola di fallimento in Italia, spiega: «Il fallimento va inteso come un feedback che ti dice se stai andando nella giusta direzione. È un'opportunità per ripensare a se stessi a quel che si desidera […]. È un approccio scientifico al fallimento. Spesso gli imprenditori di vecchia generazione confondono fallimento con violazione. Quello che studiamo noi sono i fallimenti da cui nascono innovazione e creatività». Il corso si basa su 5 moduli che lavorano sulla percezione soggettiva dell'errore al fine di accettare il proprio percorso. È come un “rituale” che porta ad accettare i fallimenti.

Al termine dei 5 step si procede con il percorso per ricominciare che varia da individuo a individuo: sviluppare il cv, rivedere progetti per i manager, costruire un nuovo dialogo con i figli. C'è un corso anche dedicato ai più giovani, dai 6 ai 14 anni. La Corrado esorta a non arrendersi: «Prima pensavo che tutto mi stesse franando i piedi, poi studiando mi sono resa conto che quello che mi stava succedendo poteva essere in realtà una svolta».

@Giulia Onano