News

20 Dicembre 2019

Un Mondo di Libri e le letture consigliate

Come ogni anno, č arrivata la ricerca dei migliori regali di Natale. Il mantra č chiaro e preciso: dev’essere un pensiero dolce, carino e personale

Come ogni anno, è arrivata la ricerca dei migliori regali di Natale. Il mantra è chiaro e preciso: dev’essere un pensiero dolce, carino e soprattutto molto personale. Una delle risposte più diffuse è quella di regalare un libro: la lettura è infatti un momento riservato e tutto da dedicare a se stessi, una coccola che ci doniamo quotidianamente o più di rado, ma che è senz’altro associata a momenti positivi.

                                                        Buona Lettura

                                                      Mariazzurra Lai

 

Il Natale è il periodo dell’anno più dolce che esista, ci si guarda intorno con lo stesso stupore di un bambino, ammirando le luci colorate e le decorazioni che rendono più belle le nostre città. 
Si respirano i profumi della cannella e si gustano i dolcetti tipici di questo periodo. Con la raccolta Strenna di Natale, Seconda Carta e altre cinque autrici hanno deciso di rendere migliori le nostre feste regalandoci un tocco di magia. Lasciamoci avvolgere dalle atmosfere evocative che troviamo tra queste pagine per ritrovare il calore dello spirito del Natale.

"Leccatevi i baffi" scritto da Felice De Simone non è l'ennesimo libro di cucina, ma un taccuino di spunti e idee per chi ha ancora voglia di ricevere gli amici a cena a casa o, perché no, anche in barca. Qualche aneddoto, trucco dell'autore, frutto dell'esperienza di trent'anni di "carriera" tra i fornelli, per rendere le ricette, anche le più semplici, innovative e alla portata di tutti, affinché la convivialità tra le mura domestiche non passi di moda.

E infine "Quanto dura un attimo"  di Paolo Rossi e Federica Cappelletti.  Era un idolo e fu squalificato. Tornò e diventò il Pablito del Mundial di Spagna '82. Questa è in sintesi la parabola di Paolo Rossi, che dal 1980 al 1982, dalla condanna per il calcio scommesse alla vittoria sulla Germania, visse i due anni più duri ed esaltanti della sua vita. Uno dei pochi che, a distanza di anni, continua a rimanere un brand made in Italy: che sia Paolino, Pablito o Paolorossi tutto attaccato, in ogni angolo del mondo il suo nome rievoca gol e vittorie a chi ama il calcio giocato. La sua storia, può essere d'esempio per tutti, per accendere gli entusiasmi e insegnare ai giovani che da ogni difficoltà si può venire fuori e diventare anche campioni. 

@Mariazzurra Lai