News

23 Ottobre 2019

Se ci vivi ti pagano: non uno scherzo

Ripopolare i territori in cambio di denaro

Incredibile ma vero: essere pagati per vivere in un posto e cominciare una nuova vita altrove, il sogno di tanti. E se state pensando di andare oltreoceano, niente paura: non occorre necessariamente trasferirsi dall’altra parte del mondo. Ci sono molte città, anche vicinissime, che offrono denaro in cambio del trasferimento. Il vantaggio? Per le amministrazioni locali rappresenta un’opportunità di ripopolare un territorio e farlo rinascere; per chi accetta la proposta è un’occasione molto allettante per avere anche una ricompensa. Ecco due delle destinazioni in questione: Albinen (Svizzera): un caratteristico paesino nel Canton Vallese, sulle Alpi svizzere meridionali, a circa 80 km dall’Italia. In palio 60mila euro alle persone che decideranno di costruire una casa, 21mila euro ad adulto e circa 8mila euro a bambino. Per ottenere il finanziamento bisogna avere meno di 45 anni, avere un permesso di domicilio in Svizzera e restare nel paese per almeno 10 anni dopo l’acquisto di un’abitazione; Ponga (Spagna): un piccolo borgo, abitato da circa 800 abitanti, perlopiù da anziani. Il Comune ha deciso di offrire un contributo di 6mila euro alle coppie con figli. E, addirittura, per il secondo figlio è previsto un incentivo di 3mila euro.

E in Sardegna?

A Sadali il sindaco ha deciso di erogare buoni della spesa mensili di 200 euro per due anni a chi deciderà di trasferire la propria residenza nel comune. Attualmente gli abitanti sono 980, ma il numero è previsto aumentare a breve. Mentre a Ollolai, paese di poco più di 1200 abitanti nelle montagne della Barbagia, in provincia di Nuoro. Il sindaco Efisio Arbau ha deciso di mettere sul mercato trenta case disabitate al costo di un solo euro. Ad oggi, sono oltre 120 le richieste pervenute, da parte di italiani e stranieri, mossi dalla vicinanza al mare e dalla volontà di imparare i mestieri del luogo.

@Giulia Onano