News

14 Ottobre 2019

Tutti allo Stadio in Autobus

Cagliari Calcio, Comune di Cagliari, Arst, Ctm, Tour Baire insieme presentano due linee bus dedicate ai tifosi rossobl¨

 

È stato presentato stamani alla stampa: "Tutti allo stadio in autobus", un progetto del Cagliari Calcio, Comune di Cagliari, Arst, Ctm, Tour Baire, fornitore ufficiale del Club. L’obiettivo primario è quello di promuovere la mobilità sostenibile e fornire ai tifosi rossoblù di tutta l’Isola una valida alternativa all’auto per raggiungere la Sardegna Arena in occasione delle gare casalinghe del Cagliari. L’eco sostenibilità è la chiave del progetto che riunisce il pubblico con il privato a favore dei tifosi sardi per ridurre il più possibile l’utilizzo delle macchine. Si apre anche lo sguardo verso nuovi mezzi di trasporto, un’occasione per ripensare tutti insieme ad un nuovo mezzo di trasporto per un progetto più ampio. A disposizione 2 bus da 48 posti, che partiranno dalle città più importanti con più affluenza di tifosi, a partire dalle statistiche degli abbonamenti. Il costo sarà uguale ad un biglietto di linea “normale” e il biglietto si può acquistare da una piattaforma on line ad hoc fino a che il mezzo non si riempie - basterà un semplice click sullo smartphone. Si parte da domenica 20 ottobre in occasione della partita Cagliari – Spal e poi il progetto andrà avanti. La risposta del pubblico di tifosi sarà sicuramente positiva.

 

Nell’ottica del risparmio di tempo e di denaro per ridurre l’impatto ambientale, diverse le soluzioni offerte dentro il nuovo progetto anche a livello urbano garantite da Ctm, che metterà a disposizione una nuova linea diretta da Piazza Matteotti fino allo stadio cagliaritano (con lo stesso prezzo di linea). “Un progetto condiviso molto importante che si inserisce nell’ambito della mobilità sostenibile della città di Cagliari”, dice Roberto Porrà presidente Ctm e sottolinea che “avremo un bus con le sagome dei giocatori allestito ad hoc dall'azienda per le fermate di Viale Diaz che portano direttamente al Sardegna Arena. Il servizio parte il 20 ottobre 2019 per Cagliari Spal, capolinea in piazza Matteotti. Un invito a utilizzare il mezzo pubblico per sfoltire il traffico cittadino e tutelare l’ambiente”, conclude Porrà. “Abbiamo tanti tifosi da tutta la Sardegna, il servizio di bus permetterà loro di raggiungere lo stadio da tutti i comuni” ha detto, Tommaso Giulini, presidente Cagliari Calcio in apertura alla conferenza di presentazione. “Saranno sempre meno le macchine. È un progetto complesso per l’istituzione di linee e di corse destinate in maniera esclusiva al Cagliari Calcio”, spiega l’amministratore unico Arst, Chicco Porcu, e aggiunge: “Siamo partiti dalla mappa dei tifosi, che vogliamo connettere con lo stadio in una maniera sostenibile e rilassata”. Le linee dedicate saranno due per un grande impegno da parte dell’azienda. "Una corsa partirà da Sassari – Oristano - Cagliari poi Nuoro – Sanluri - Cagliari, entrambe arriveranno direttamente nel piazzale antistante della Sardegna Arena", conclude Porcu. L’iniziativa punta alla sostenibilità, sia dal punto di vista ambientale che della sicurezza. "È una soluzione importante che permetterà di decongestionare alcune zone e quartieri di Cagliari in un’ottica di maggiore sostenibilità e utilizzo migliore delle risorse come quelle ambientali che non sono infinite" aggiunge il sindaco di Cagliari, Paolo Truzzu sottolineando l’attenzione del comune per i tifosi. “Tre aziende private e pubbliche insieme che finalmente trovano un punto di contatto. Da tre anni siamo fornitori ufficiali del Cagliari Calcio. Nel 2019 il gruppo Baire ha modernizzato completamente il parco macchine. La nostra parte riguarda il collegamento da Capoterra direttamente allo stadio”, ha sottolineato Matteo Baire, amministratore delegato tour Baire. “Tutti allo stadio”, è un progetto che nasce dalla sinergia con le istituzioni a partire dal la regione fino al capoluogo: “Il sistema della mobilità sostenibile è molto dibattuto e questa è la linea della regione con l’obiettivo di decongestionare il traffico. È necessario cambiare la "cultura" e passare alla mobilità sostenibile pubblica. Un progetto che secondo le prescrizioni europee va in quella linea. Questo è l’esempio attraverso il Cagliari Calcio” le parole, in conclusione, di Alessio Mereu, assessore alla mobilità.

@Margherita Pusceddu