News

1 Ottobre 2019

II Marcia Mondiale per la Pace a Cagliari

Stamani alla MEM stato presentato il calendario di appuntamenti che seguiranno l'evento dall'isola.

Domani 2 ottobre, data della nascita di Gandhi e giornata internazionale della Nonviolenza, partirà da Madrid la II Marcia Mondiale per la Pace e anche la Sardegna a partire dal capoluogo parteciperà e collaborerà all’evento mondiale dall’isola. Stamani alla MEM la presentazione del calendario degli eventi nel capoluogo, un ricco catalogo di appuntamenti per sensibilizzare la cittadinanza alla non violenza a partire dal simbolo della Marcia per la Pace. Sono passati dieci anni dalla prima Marcia del 2009, che ebbe una sua tappa anche a Cagliari, il corteo era partito dal Lazzaretto. Nessun coinvolgimento istituzionale a tal proposito per una manifestazione libera da tutto e aperta a tutti.

“Iniziamo domani in contemporanea con la partenza da Madrid alla quale saremo collegati in diretta streaming” dice Antonello Murgia, uno degli organizzatori degli eventi in Sardegna e portavoce del comitato Sardegna per la Pace. Si sottolinea la partecipazione di diverse associazioni ed enti nazionali al progetto a partire dalla mostra fotografica esposta alla MEM in occasione della Marcia per la Pace: “Circa un centinaio di pannelli sono qui esposti per la mostra fotografica “100 anni di pace” curata dall’istituto Sereno Regis di Torino, spiega Murgia. A tal proposito nell’ottica della filosofica pacifista si inserisce la collaborazione dell’istituto italiano buddista Soka GaKKai: “Ormai da più di dieci anni collaboriamo con l’istituto Sereno Regis di Torino per portare il messaggio di trasformazione per tutto il mondo legato in maniera particolare al nucleare, soprattutto come pericolo per un’eventuale guerra” dice Corrado Lacava, responsabile delle relazioni del Soka Gakkai Sardegna “Come istituto buddista italiano abbiamo prodotto una mostra che si chiama ‘Senzatomica’, che ha fatto il giro del mondo e così collaboriamo con i movimenti di Pace locali. Da oggi fino al 29 febbraio (il giorno in cui la Marcia per la Pace approderà a Cagliari) collaboreremo per gli eventi conclusivi di questo importante momento”. “La Marcia per la Pace è un’assemblea itinerante dove tutti sono invitati a partecipare” a ricordare le parole di Aldo Capitini, che organizzò la prima Marcia per la Pace Perugia-Assisi, Marzia Manca del movimento Nonviolento italiano. Anche le scuole sono invitate come singoli o come Ente, simbolo di didattica che educa alla civiltà. Saranno tanti i momenti per la Nonviolenza alla Mem, come il documentario The Wash di Tommaso Mannoni, la presentazione del libro Una ferita italian di Lisa Camillo e il 9 ottobre ,Pratobello 50 anni dopo l’incontro, con Maria Bassu coautrice del documentario Sa lota e tanto altro. “L’obiettivo è la sensibilizzazione. Oggi nel mondo ci sono 69 paesi coinvolti in conflitti, 818 tra eserciti gruppi paramilitari e terroristi che combattono nel mondo. Un altro sviluppo è possibile e così un’altra idea di mondo non violento e pacifico” conclude Antonello Murgia.

 

@Margherita Pusceddu