News

27 Settembre 2019

Apre Il centro internazionale del fumetto

Il centro internazionale del fumetto di Cagliari apre le sue porte per la nuova stagione didattica per tutte le etÓ

Il centro internazionale del fumetto di Cagliari apre le sue porte per la nuova stagione didattica per tutte le età. La storica realtà culturale dedicata alla formazione e alla promozione dei comics, la prima nata in Sardegna nel 1993 da un'idea dello sceneggiatore e regista Bepi Vigna, dedica la giornata di oggi agli appassionati dei fumetti, con un’apertura della sede di via Falzarego 35, al pubblico dalle 10 alle 13 e dalle 16 alle 20. In mostra una collezione di tavole originali curata dal Centro Internazionale del Fumetto, in collaborazione con la Sardegna Film Commission e il Parco Geominerario Storico Ambientale della Sardegna.

I corsi. Con la riedizione dei corsi, il Centro Internazionale del Fumetto si concentra nei prossimi mesi sulla sua originaria vocazione all'insegnamento del linguaggio delle "nuvole parlanti", mentre l'appuntamento con il Festival Nues, Fumetti e Cartoni nel Mediterraneo, diventa biennale: la prossima edizione, la decima, è in programma nell'autunno del 2020. Sono tre i percorsi didattici proposti: per i più piccoli, dagli 8 ai 13 anni, dal 16 ottobre un laboratorio di lettura, scrittura e fumetto ispirato al romanzo "Coraline" di Neil Gaiman, a cura dell'illustratrice e fumettista freelance Stefania Costa, dell'esperta scrittura creativa e responsabile ideazione laboratori ragazzi Lorella Costa e della disegnatrice e colorista Laura Congiu (60 ore 30 incontri di 2 ore ciascuno, una volta alla settimana); stesse docenti, insieme all'esperto di inchiostrazione Mario Atzori, per il corso base di fumetto per ragazzi dai 14 ai 17 anni, un percorso didattico di 60 ore - dal 15 ottobre fino a giugno del prossimo anno -  per fornire le prime basi professionali sul linguaggio del fumetto e realizzare così una storia completamente sceneggiata e disegnata dai corsisti; per gli aspiranti autori di fumetto a partire dai 18 anni, dal 17 ottobre, un corso di 120 ore (con esame e mostra finale) di teoria e pratica su disegno e sceneggiatura, più una serie di incontri e masterclass di approfondimento sul linguaggio del racconto per immagini. Saranno anche avviati i laboratori sulla narrazione transmediale (letteratura, cinema, teatro, games). “I nostri corsi si rivolgono davvero a tutti”, ha precisato Lorella Costa, responsabile dei laboratori per i ragazzi, “anche a chi si avvicina al fumetto per la prima volta”. 

 "Cinema e fumetto sono territori contigui: chi ama il fumetto è spesso anche un grande appassionato di cinema e l'immaginario legato ai due mezzi espressivi si nutre delle stesse suggestioni", spiega Bepi Vigna. "Con questa mostra, alcuni artisti hanno provato a immaginare come sarebbero stati i film a noi più cari se si fossero già realizzate le drammatiche previsioni riguardo al riscaldamento globale. L'ironia delle tavole non impedisce che da ciascuna di esse trapeli un significato molto serio, che richiama i problemi che derivano dai mutamenti climatici.  Il mondo che dobbiamo salvaguardare è anche quello che i film e i fumetti hanno spesso rappresentato con grande forza poetica e a cui si legano i nostri ricordi e le nostre emozioni".

@Monica Magro