News

27 Settembre 2019

349 euro e 80 centesimi per due spaghetti a Roma

Un maxi scontrino pagato da due turiste giapponesi a Roma per due spaghetti f il giro del web

L’importo complessivo è di 349,80 euro, cui si aggiunge una mancia di ben 80 euro, per un totale di 429,80 euro lo scontrino delle due turiste Giapponesi per due spaghetti al cartoccio di pesce e acqua. Anche se lo sfondo riguarda Castel Sant' Angelo, è un prezzo davvero troppo salato tanto che lo scontrino incriminato è finito sul web. Tu chiamale, se vuoi, vacanze romane da “urlo”. Da choc, più che altro. Le stesse guide turistiche professioniste sbuffano e storcono il naso di fronte al caso del maxi-scontrino. «Episodi simili causano un danno di immagine alla città di Roma.

Il ristorante si difende  «Il nostro menu è chiaro, tutto è scritto nel dettaglio, basta guardare i prezzi: massimo 16 euro per uno spaghetto allo scoglio - dichiara Giacomo Jin, ristoratore - Per pagare quella cifra le ragazze non avranno preso solo gli spaghetti, ma anche pesce. D’altronde, da noi il pesce è fresco: il cliente lo sceglie al bancone, noi lo pesiamo e lo cuciniamo». Per quanto riguarda la mancia anche quì esagerata, i camerieri dicono "al momento di pagare chiediamo al cliente se vuole dare la mancia, e può scegliere tra il 10 e il 20 per cento dell’importo, tutto liberamente", assicurano. Anche qui i conti non tornano, perché il 20 per cento di 349 euro è 69 euro. E non 80.  Comunque non è la prima volta che facciamo questo tipo di regalo ai turisti che visitano Roma, come gli spaghetti da 695 euro del ristorante Il Passetto dietro piazza Navona,  81 euro per due hamburger e due caffè vicino San Pietro, o ancora i 204 euro per alette di pollo e patatine fritte, sempre in zona Vaticano.

Altro che vacanze romane in vespa, vacanze romane in Ferrari!