News

21 Agosto 2019

I lavori umili delle celebritÓ

Da Madonna al Papa tutti hanno svolto mansioni umili per sbarcare il lunario

In tanti sognano di diventare famosi, chi per la fama chi per i soldi. E a chi non è mai capitato di trovarsi a lavoro e sognare di essere un personaggio famoso, tanti soldi senza troppe sudate? Un po’ a tutti e anche alle celebrità, che non sono nate tali ma prima del successo si sono cimentate come tutti in altri lavori “più umili” per sbarcare il lunario.

 

Partiamo dalla grande Madonna, che a soli 19 anni, era il 1977, si trasferì dalla cittadina di Ponitac, nel Michigan, in cerca di fortuna con soli 35 dollari. Per sopravvivere ha fatto anche la cameriera in una catena di vendita di ciambelle. Chissà quanti cuori avrà infranto quando portava cappuccino e pasta al tavolo.

 

Silvio Berlusconi a fine degli anni ’50, appena ventenne, cantava in un complesso su una navetta crociera. l’ex Primo Ministro ha anche dato prova delle sue capacità di persuasione con uno dei lavori umili per eccellenza, ovvero quello del venditore porta a porta. Dopo il diploma, infatti, commercializzava spazzole elettriche, una grande innovazione per il tempo.

 

Harrison Ford, a cavallo degli anni 60 e 70, mentre la sua carriera da attore stentava a decollare, non disdegnò di accettare lavori umili oltre a fare il cameraman durante dei celebri concerti dell’epoca si dedicò anche alla falegnameria restandone affascinato visto che, stando alle cronache, è rimasto uno dei suoi passatempi preferiti. 

 

Jorge Mario Bergoglio  prima di intraprendere la strada del seminario, quando ancora ventenne non aveva ancora ben capito la propria strada faceva il buttafuori in un malfamato locale di Cordoba e ancora l’addetto alle pulizie. 

 

@Margherita Pusceddu

Da Madonna