News

16 Agosto 2019

Corey Taylor degli Slipknot vs le armi americane

“In America c’è una setta delle armi, e qualcuno incolpa ancora la musica. Intorno a noi c'è una cultura tossica...E mi preoccupa”

Corey Taylor degli Slipknot è convinto che la gun culture sia una setta, e ha attaccato stampa e politica statunitense per aver collegato le stragi che si ripetono in America con il mondo dei videogame e della musica. In una recente intervista per l’Independent, pubblicata per l’uscita del nuovo album degli Slipknot We Are Not Your Kind – e registrata due giorni prima delle tragedie di El Paso, Texas e Dayton, in Ohio – ha detto: “In America ci sono troppe armi del cazzo. Se volessi potrei uscire da questa stanza e procurarmi una pistola in pochi minuti. C’è una cultura tossica qui. È una setta, e mi preoccupa”.

In seguito alle sparatorie di El Paso e Dayton, dove sono morte complessivamente 31 persone, la politica americana ha ancora incolpato musica, cinema e videogame: Donald Trump ha twittato contro i “giochi violenti” e la “Liberal Hollywood”, mentre l’abbigliamento del killer di Dayton – una felpa di una band metalcore – ha rimesso sotto esame la musica per il suo (inesistente) legame con questi incidenti violenti.

“Il mondo della musica è un bersaglio facile, perché chi ha il potere non la capisce”, ha aggiunto Taylor. “Nessuno fa il minimo sforzo per capirla, e nessuno è disposto a prendersi una piccola parte di colpa per quello che è successo”. Purtroppo, le parole del cantante si sono rivelate tragicamente profetiche.

“Se sei alla ricerca di un certo tipo di retorica”, dice Taylor, “non importa se si tratta di odiare i neri o i gay o chissà chi altro, ci sono migliaia di siti web pieni di gente che ne parla. Noi dovremmo vigilare, e quello che sta succedendo è la conseguenza del nostro fallimento. Vogliono ancora prendersela con la musica come succedeva negli anni ’60, o nell’85 con Tipper Gore”.

Dopo la sparatoria di Dayton, Taylor ha attaccato un giornalista che aveva incolpato gli Acacia Strain, la band metalcore della felpa del killer. “No. Non ti permetto di comportarti così”, ha scritto su Twitter. “Non si tratta di una cazzo di maglietta. E gli Acacia Strain non sono una band che incita all’odio o alla vendetta. Prenditela con IL KILLER, non con il fottuto GUARDAROBA. Sei uno zombie”.