News

26 Luglio 2019

Le OST Disney diventano playlist su Spotify

La piattaforma di streaming e il colosso cinematografico tramite un accordo convogliano brani e colonne sonore dei film d'animazione, ma anche di Pixa

Se anche voi sapete a memoria le canzoni de La Sirenetta o di Frozen la notizia dell’alleanza fra Spotify e Disney non farà che aumentare il vostro entusiasmo.
La piattaforma di streaming musicale e il colosso del cinema hanno in queste ore annunciato un accordo che prevede la realizzazione di un “hub musicale dedicato”, in cui confluiranno tutte le canzoni e le colonne sonore dei film del gruppo cinematografico. Quindi non solo i classici d’animazione ma anche i titoli che appartengono a marchi celebri come Pixar, Marvel e Star Wars.

Dall’ascoltatissima Let It Go di Frozen appunto ai classici come Be Our Guest da La bella e la bestia o You’ve Got a Friend in Me da Toy Story, ma anche brani più recenti come You’re Welcome di Oceania, sono moltissime le canzone che confluiscono in questa nuova selezione.

Si parla per ora delle versioni originali in inglese, dato che l’accordo è stato per ora annunciato dei mercati di Stati Uniti, Regno Unito, Canada e Australia, anche se le playlist sono accessibili anche dall’app italiana, dove si trovano i brani in traduzione. Non può mancare anche la colonna sonora del nuovo Il Re Leone, il live-action in uscita in Italia il prossimo 21 agosto.
 


E a proposito de Il Re Leone, è uscito anche Spirit, il video che vede protagonista e interprete Beyoncé e in cui appare anche la figlia Blue Ivy.
La cantante, oltre ad aver inciso questo brano inedito, dà la voce nel nuovo film Disney alla leonessa Nala da adulta, mentre il collega Donald Glover è Simba (in italiano sono sostituiti rispettivamente da Elisa e Marco Mengoni).
Beyoncé pubblicherà per l’occasione anche The Lion King: The Gift, una compilation da lei prodotta e curata con brani che prendono ispirazione dal film e vedono la partecipazione, oltre che di star americane come Jay Z, Pharrell e Childish Gambino (nome d’arte dello stesso Glover), anche di diversi artisti nigeriani e sudafricani.