News

13 Luglio 2019

Un bimbo di 9 anni per i cani poliziotto!

Con un documentario, si accorto che non erano protetti. E ha deciso di intervenire raccogliendo 80mila euro per comprare i giubbotti antiproiettile

Brady Snakovsky, un bambino di nove anni, di Strongsville, Ohio, sogna di diventare un ufficiale di polizia. Lo scorso anno, mentre stava guardando Live PD, un documentario che mostra il lavoro quotidiano della polizia, ha notato che, mentre gli ufficiali indossavano giubbotti antiproiettile, i cani poliziotto ne erano sprovvisti. 

Si è informato, e ha scoperto ognuno di questi giubbotti costa più di 1200 dollari (oltre 1060 euro): davvero un prezzo poco accessibile.

Ma Brady non si è arreso e, insieme alla mamma, Leah Tornabene, hanno creato una pagina GoFundMe per raccogliere fondi per comprare almeno uno di questi giubbotti.
La loro iniziativa è diventata virale ed è stata notata anche dalla compagnia che produce i giubbotti, Line of Fire Defense Systems che ha deciso di donarne uno a Brady. 
La raccolta fondi è continuata: in un anno il piccolo e la mamma hanno raccolto l’equivalente di quasi 80mila euro per acquistare giubbotti per le unità cinofile.

L’ultimo aggiornamento sulla pagina di GoFundMe dice che Brady, che sta lavorando direttamente con le aziende produttrici, finora, ha fornito 85 giubbotti antiproiettile ai cani e ha una lista di attesa di 57 agenti di polizia che ne chiedono uno per i loro partner a quattro zampe. 

«Non molti cani riescono ad avere un giubbotto, perché il loro prezzo è piuttosto alto. E ci sono in giro diverse persone cattive, che vogliono ferirli», spiega il bimbo. «Io amo i cani poliziotto!».

Mamma Leah è molto orgogliosa del suo piccolo: «Sono fiera dell’etica del lavoro che Brady dimostra di avere fin da ora. Non avrei mai pensato che lo sforzo fatto per aiutare un cane potesse trasformarsi in un’azione di assistenza per quasi 100 animali».

Vero. ma soprattutto è meraviglioso vedere un bambino che nota il bisogno di qualcosa e decide di risolvere il problema in nome di ciò che ama.