News

Spettacolo
19 Giugno 2019

Dark.Il teaser della stagione 2 con riepilogo

La serie tedesca torna con otto nuovi episodi. Una buona occasione per ripassare i punti salienti della prima stagione

Il tempo ti è accanto”, si sente pronunciare nel nuovo teaser che anticipa la seconda stagione di Dark, la produzione originale tedesca di Netflix che tornerà nei prossimi giorni sulla piattaforma di streaming.

Eppure non si può dire che la nuova clip di anticipazione riveli qualcosa di più chiaro su come si svolgeranno realmente i fatti negli otto episodi in arrivo.
Però abbiamo la conferma che i viaggi nel tempo, o comunque il meccanismo che intreccia le varie dimensioni temporali l’una all’altra, saranno fortemente centrali nella storia.
 

Nel montaggio serrato si susseguono scene provenienti dalle varie epoche, quindi non solo dal 1953, 1986 e 2019 come avevamo visto nella prima stagione, ma anche dal 2052, dove Jonas è intrappolato in un mondo futuristico e apocalittico.

Sarà proprio lui, incontrando anche il sé stesso del futuro, a dover trovare un senso a tutto il meccanismo che regola il loop temporale.
Nel teaser si accenna anche a un criptico “orologio del mondo” e si intravede una strana materia che pare assorbire i personaggi e catapultarli in altri punti nel tempo.

Eravamo rimasti a Winden nel 2019 dove la scomparsa di due bambini e le conseguenti ricerche avevano riportato alla luce misteri e oscuri segreti che questa piccola cittadina tedesca nascondeva da tempo; rivelando così i rapporti e il passato di quattro famiglie che vi abitano 33 anni prima, in un susseguirsi continuo di fenomeni vicinissimi al paranormale.

La seconda stagione di Dark arriverà appunto su Netflix a partire da venerdì prossimo 21 giugno e, come rivelato nelle scorse settimane, si tratterà del secondo ciclo di una trilogia che raggiunge qui il suo capitolo centrale.

Ovviamente l'hype dei fan che attendevano i nuovi episodi è alle stelle, specialmente perché questo nuovo trailer è piombato come 'un fulmine a ciel sereno' o meglio, come un salto temporale!

 

Silvia Carboni