News

20 Febbraio 2019

La nuova vita di Matteo Boe

Oggi, lex latitante Matteo Boe, partecipa ad un ciclo di lezioni per diventare guida ambientale escursionistica.

Matteo Boe, ex superlatitante di Lula, ha adesso 61 anni, ormai libero dal 2017 dopo aver scontato venticinque anni di carcere. Esponente di primo piano del banditismo in Sardegna è diventato famoso perché fu l’unico detenuto che riuscì ad evadere dal carcere dell’ Asinara.

 

Nel luglio del 1983 Boe partecipò al rapimento della diciassettenne senese, per il quale fu condannato a sedici anni. Il bandito fu condannato ad altri trent'anni di carcere dopo essere stato coinvolto nel rapimento dell’imprenditore romano Giulio de Angelis e in quello di Farouk Kassam, quest’ultimo che aveva all’epoca dei fatti soli sette anni fu tenuto prigioniero per sei mesi.

 

Oggi, l’ex latitante Matteo Boe, partecipa ad un ciclo di lezioni per diventare guida ambientale escursionistica.

 

Il corso si tiene a Nuoro, con l’ex latitante sardo seguono un ciclo di lezioni in aula e sul campo, altri giovani ragazzi che diventeranno “ guida ambientale escursionistica” e potranno essere iscritti al registro nazionale della principale associazione di categoria, l’Aigae.

 

Matteo Boe frequentò dei corsi di studi che sicuramente in quest’occasione gli tornano utili: prima all’istituto agrario e successivamente pochi anni alla facoltà di agraria di Bologna.

 

I corsisti una volta finite le ore non saranno però guide ambientali così come le intende la legge regionale del 2006 che ha istituito uno specifico albo, al quale si accede in base a un concorso.