News

12 Luglio 2018

Matrimonio fuori dal Comune

Un matrimonio al Poetto accompagnati dagli amici a quattro zampe. SarÓ possibile da sabato prossimo anche questo

Un matrimonio al Poetto accompagnati dagli amici a quattro zampe. Sarà possibile da sabato prossimo lungo il Poetto di Cagliari in undici punti, tra questi c’è anche un’area dove sarà possibile dire il fatidico sì accompagnati dai cagnolini. Il programma è stato presentato oggi in Comune. È possibile  prenotare anche con un anno di anticipo e i giorni a disposizione sono il secondo e il quarto sabato del mese dalle 10:30 alle 12:30 e nel pomeriggio dalle 16 alle 19. Il prezzo stabilito è lo stesso per le altre sedi fuori dal Comune: 800€ per i residenti ed emigrati sardi e 1200€ per chi non è residente a Cagliari. Il comune mette a disposizione un allestimento costituito dalle sedute per gli sposi e testimoni, una piccola tensostruttura per ripararsi dal sole o dalla pioggia, una scrivania, un leggio e un impianto audio. L’obiettivo è quello di inserire in modo ancora incisivo la nota Cirra nel mercato del turismo matrimoniale”, ha detto l’assessore agli Affari generali Danilo Fadda, “il Poetto si aggiunge ai posti dove in alternativa al Municipio ci si può sposare che sono i Giardini Pubblici, Castello di San Michele, Lazzaretto, Ex Vetreria, Palazzo di Città, Marina Piccola e Bastione di Saint Remy”

Il Comune apre il Poetto ai matrimoni e alle unioni civili

Da oggi 11 i tratti di spiaggia tra cui scegliere, dalla Prima Fermata al confine con Quartu Sant’Elena. Alla presentazione al Municipio, il sindaco Zedda e gli assessori Fadda e Cilloccu.

Rumore delle onde, sabbia sotto i piedi e panorama mozzafiato. Si preannunciano davvero magiche le atmosfere delle cerimonie nuziali che da oggi potranno essere celebrate al Poetto. “In tutto 11 i tratti di spiaggia tra cui scegliere, dalla Prima Fermata al confine con il litorale di Quartu Sant’Elena, nel secondo e nel quarto sabato di ogni mese, al mattino dalle 10,30 alle 12,30, oppure al pomeriggio dalle 16 alle 19”, ha annunciato Danilo Fadda, assessore agli Affari generali.

Già dallo scorso anno alle coppie che decidono di sposarsi con rito civile oltre alla Sala Matrimoni al secondo piano del Municipio di via Roma, il Comune mette a disposizione 7 tra i luoghi più caratteristici di Cagliari (Giardini pubblici, Castello di San Michele, Lazzaretto, Ex Vetreria, Palazzo di Città, Marina Piccola e Bastione di Saint Remy).

Con “l’individuazione di questi ulteriori 11 tratti (240 metri quadrati ognuno) al Poetto, scelti tutti in accordo con la Capitaneria di Porto e con il Demanio regionale tenendo conto delle possibilità di accesso (passerelle) e anche delle esigenze commerciali di tutti gli operatori che l’hanno condivisa”, ha spiegato il sindaco Massimo Zedda, “prosegue quindi il progetto Matrimoni fuori dal Comune”. In prospettiva, potrebbe presentarsi, tra le altre, la possibilità di “farvi rientrare anche la Spiaggia di Calamosca”.

“La volontà dell’Amministrazione c’è tutta”, ha scandito l’assessore Fadda. A testimoniarlo la presenza all’incontro di stamani con i giornalisti, dei consiglieri Filippo Petrucci (ex presidente Commissione Affari generali), Raffaele Bistrussu (presidente Commissione Attività produttive), Roberto Tramaloni (presidente Commissione Affari generali) e dall’assessora Marzia Cilloccu. Tutti hanno rimarcato l’opportunità di inserire in modo ancora più deciso la città nel mercato del “turismo matrimoniale”. E se si pensa che a livello nazionale il comparto vanta un fatturato di 385milioni di euro annui,  quella del “wedding” è una scommessa che non si può non vincere. “Insieme agli operatori – ha chiarito la titolare delle Attività produttive e Turismo - che ruotano intorno a questo fondamentale volano di crescita, destinato a incrementare le potenzialità di attrazione dei flussi turistici, anche destagionalizzati”. Con importanti ricadute economiche per tutto il territorio regionale, che oggi registra un giro d’affari attorno ai 10milioni di euro anni (circa il 2 per cento della quota nazionale).

Non resta, quindi, che scegliere la data, l’abito e la location. Per prime due dovranno pensarci i promessi sposi, per la terza invece ci pensa il Comune: basta accedere al Portale istituzionale e con pochi click, dall’area tematica “Servizi online” si potrà prenotare la sede per il matrimonio o per l’unione civile che più piace. Compreso un piccolo allestimento (gazebo, sedie, leggio, impianto di amplificazione)

https://www.comune.cagliari.it/portale/demografici/at13_notizie_dett?contentId=NWS646409